Al via Universal Interior Design, il nuovo progetto di Scuola Futuro Lavoro

al-via-universal-interior-design-il-nuovo-progetto-di-scuola-futuro-lavoro

Un ciclo di conferenze in partnership con tre rinomati studi di architettura 

I migliori architetti italiani sbarcano a Scuola Futuro Lavoro: a partire dal 7 maggio, Memo Colucci, Carlo Donati e Maurizio Lai terranno un ciclo di conferenze dedicate al design.

Le conferenze si svolgeranno dalle 18 alle 19.30 in via Ondina Valla 2 a Milano, presso la sede di Scuola Futuro Lavoro. La prima sarà tenuta da Carlo Donati martedì 7 maggio e riguarderà «Il valore del cromatismo nella progettazione architettonica»; la seconda, tenuta da Memo Colucci martedì 14 maggio, avrà come titolo «La terza pelle» e affronterà il tema degli aspetti ambientali del luogo che abitiamo; infine, la terza conferenza sarà tenuta da Carlo Donati giovedì 23 maggio e sarà incentrata su «Il design e la casa d’autore nel cinema».

Le conferenze sono ad accesso libero, ma è necessaria la prenotazione: per iscriversi, vi preghiamo di inviare una mail a segreteria@scuolafuturolavoro.it, indicando nome, cognome e data della conferenza di interesse.

design-MI: il nuovo corso di Scuola Futuro Lavoro

Le conferenze anticipano design-MI, il nuovo corso di interior design promosso da Scuola Futuro Lavoro che mira a formare professionisti in grado di interpretare lo spazio e trasformarlo in un ambiente capace di coniugare estetica e destinazione d’uso in accordo con le ultime evoluzioni del design degli interni. È proprio la prospettiva di uno sviluppo sociale più sostenibile, inevitabilmente legato alla progettazione di spazi più equi e accessibili, ad aver avvicinato i prestigiosi studi di architettura a Scuola Futuro Lavoro, istituto da sempre votato a una didattica inclusiva, impegnata a ridurre le barriere culturali e potenziare le inevitabili disuguaglianze individuali che esistono tra gli individui.

Il corso in partenza a ottobre sarà articolato in 450 ore di lezione declinate in 13 unità formative, con un tracciato didattico diviso in tre segmenti: il primo a carattere più teorico volto a fornire allo studente un’introduzione alla disciplina considerata nei suoi aspetti fondamentali, con un affondo sulle espressioni artistiche, le influenze e i momenti topici che hanno caratterizzato l’Interior Design. Il secondo, più metodologico progettuale, e il terzo, di carattere pratico, hanno come obiettivo quello di trasferire agli studenti non solo le competenze tecniche per realizzare una progettazione di interni, ma anche le abilità grafiche per rappresentare e veicolare la complessità e la ricchezza dei valori espressivi della stessa.

Il 30% delle ore di corso saranno dedicate al workshop di sintesi finale, durante il quale gli studenti saranno invitati a realizzare in autonomia un progetto finale di Interior Styling partendo dall’ideazione del concept al disegno e alla documentazione del lavoro realizzato.

Tra le conoscenze tecniche trasferite spiccano l’utilizzo di software professionali come Sketch-Up, per la modellazione 3D, Photoshop, per composizioni grafiche, tecniche di fotomontaggio e fotoritocco, e Indesign, per l’impaginazione editoriale.

Grande importanza sarà attribuita inoltre al trasferimento di competenze di arredo, di progettazione e dell’identità visiva di uno spazio attraverso la definizione di materiali, colori, finiture e nozioni di illuminotecnica.

Centrale sarà anche il modulo dedicato al Design degli Interni, ai principi di Ergonomica e alle tecnologie dei materiali.

In aggiunta, sarà proposta un’unità formativa di carattere teorico-laboratoriale legata ai principi dello styling e del set fotografico, durante la quale saranno approfondite le tecniche di base per scattare still-life e immagini di interior design attraverso lo studio della prospettiva e delle tecniche di composizione e proporzione all’interno della scena.

Tutte le quote di iscrizione raccolte per i corsi inclusi nel progetto “Universal Interior Design” saranno integralmente devolute alla Fondazione Un Futuro per l’Asperger.

Scopri il progetto: clicca qui.

Fondazione

Similar Posts

La Fondazione Un Futuro per l’Asperger partecipa all’iniziativa “Dono di Squadra” promossa da UniCredit
La Fondazione Un Futuro per l’Asperger partecipa all’iniziativa “Dono di Squadra” promossa da UniCredit

Aiuta i maggiorenni Asperger a slacciare le “cinture di insicurezza” per prendere il volo per un futuro di

“Take Me Aut – L’Eroe che è in Me”
“Take Me Aut – L’Eroe che è in Me”

“Take Me Aut – L’Eroe che è in Me” è lo spettacolo teatrale della Fondazione Un Futuro per l&#

Dona il tuo 5×1000 alla Fondazione Un Futuro Per l’Asperger
Dona il tuo 5×1000 alla Fondazione Un Futuro Per l’Asperger

Devolvere il tuo 5×1000 alla Fondazione Un Futuro Per l’Asperger significa donare indipendenza Sapevi che con