Il disturbo dello spettro autistico: definizione, sintomi e livelli d’autismo

Che cosa sono i disturbi dello spettro autistico?

I disturbi dello spettro autistico (o ASD, acronimo inglese di Autism Spectrum “Disorder) sono un insieme eterogeneo di disturbi del neuro sviluppo, caratterizzati da deficit persistente nella comunicazione e nell’interazione sociale e da schemi di comportamento, attività o interessi ristretti e ripetitivi.

Quali sono i sintomi del disturbo dello spettro autistico?

Le caratteristiche della sintomatologia clinica possono essere estremamente differenti sia in termini di complessità che di severità e possono presentare un’espressione variabile nel tempo. L’autismo è infatti una condizione “a spettro”, il che significa che i sintomi variano da individuo a individuo, da lievi a gravi: le persone con autismo includono quindi, ad esempio, coloro che hanno disabilità intellettive significative e richiedono un alto livello di supporto nella loro vita quotidiana, così come coloro che hanno un’intelligenza medio-alta e richiedono un livello di supporto inferiore.

Inoltre, le persone nello spettro autistico molto spesso presentano diverse co-morbilità, ossia la presenza nello stesso soggetto di più condizioni neurologiche, psichiatriche e mediche.

Si può curare l’autismo?

Diagnosticato da professionisti adeguatamente qualificati secondo criteri diagnostici internazionali, l’autismo è una disabilità che dura tutta la vita e i sintomi sono solitamente evidenti fin dalla prima infanzia. In altre parole, non esiste una cura per l’autismo: la ricerca ha però dimostrato che i migliori trattamenti per le persone con autismo sono terapie comportamentali precoci e specializzate, che mirano ad aiutare la persona a sviluppare abilità per far fronte alle sfide individuali che deve affrontare. Le persone con autismo, infatti, spesso richiedono adattamenti da apportare ai loro ambienti di vita, apprendimento e lavoro per accogliere le proprie difficoltà individuali.

Quali sono i diversi livelli di autismo?

Il DSM 5 (Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, la principale fonte per la diagnosi di vari disturbi mentali o comportamentali) classifica i disturbi dello spettro autistico in base a tre livelli, che consentono d’identificare la gravità dei sintomi e di porre maggiore chiarezza sulla diagnosi in termini di necessità di supporto richiesto e d’interferenza nel funzionamento della persona. In particolare:

  • Il Livello 1equivale a una condizione lieve: in questo caso, i pazienti hanno necessità di supporto per problematiche quali l’interazione sociale inibita e la mancanza di capacità organizzative e di pianificazione;
  • Il Livello 2 equivale a una condizione moderata: gli individui che ne soffrono necessitano di un supporto sostanziale nella vita di tutti i giorni, possono manifestare problemi di comunicazione verbale e non verbale, avere pochi interessi ed esibire comportamenti fuori luogo, frequenti e ripetitivi;
  • Il Livello 3 è il livello di autismo più grave, in quanto sono presenti tutti i disturbi dei due livelli precedenti ma in modo ancora più marcato e accompagnati da diverse complicanze. Le persone affette da questo livello di autismo hanno scarse capacità d’interazione e di comunicazione e necessitano di supporto costante.
Fondazione

Similar Posts

La Fondazione Un Futuro per l’Asperger partecipa all’iniziativa “Dono di Squadra” promossa da UniCredit
La Fondazione Un Futuro per l’Asperger partecipa all’iniziativa “Dono di Squadra” promossa da UniCredit

Aiuta i maggiorenni Asperger a slacciare le “cinture di insicurezza” per prendere il volo per un futuro di

“Take Me Aut – L’Eroe che è in Me”
“Take Me Aut – L’Eroe che è in Me”

“Take Me Aut – L’Eroe che è in Me” è lo spettacolo teatrale della Fondazione Un Futuro per l&#

Dona il tuo 5×1000 alla Fondazione Un Futuro Per l’Asperger
Dona il tuo 5×1000 alla Fondazione Un Futuro Per l’Asperger

Devolvere il tuo 5×1000 alla Fondazione Un Futuro Per l’Asperger significa donare indipendenza Sapevi che con